UX & UI

Aumentiamo il valore dei tuoi progetti comunicativi, perchè diano il maggior ritorno dell’investimento, monitorando i risultati e fornendo la consulenza per migliorarli

Mollusco & Balena è in grado di verificare, e fare in modo che, ogni tuo progetto sia:

  • Utile – perché cerchiamo i fattori critici di successo cogliendo cosa ti distingue, dandogli la giusta visibilità.
  • Usabile – perché analizziamo come gli utenti usano il tuo prodotto digitale e di conseguenza ne miglioriamo la loro esperienza, in qualsiasi contesto.
  • Desiderabile  perché miglioriamo la tua immagine, brand e identità per renderli speciali
  • Trovabile – perché lavoriamo sui contenuti, perché sia immediato e la loro architettura affinché sia raggiungibile.
  • Accessibile – perché verifichiamo (a norma di legge e per le Pubbliche Amministrazioni) che tutti possano accedere.
  • Credibile  perché monitoriamo cosa si dice di te in rete (reputation).

I servizi che con la Divisione UX-Design possiamo offrire, per migliorare tutti gli aspetti del progetto sono:

  • Monitoraggio – monitoriamo su web cosa si dice di te, dei tuoi prodotti
  • Analisi e consulenza – verifichiamo i dati per offrirti la soluzione più opportuna
  • Progettazione – sappiamo mettere in pratica quello che ti proponiamo
  • Formazione – per renderti autonomo e continuare a dare valore al tuo progetto
Monitoraggio reputazione online

Prima che sia troppo tardi, scopri com’è la tua reputazione online e prendi le decisioni giuste. Per verificare la tua credibilità Mollusco & Balena è in grado di offrirti un sistema di monitoraggio online, che periodicamente ti invia un rapporto dettagliato di ciò che si dice di te.

Per:

  • sapere che cosa si dice del tuo brand,
  • conoscere quanto sono apprezzati i tuoi prodotti,
  • capire se le persone si fidano del tuo e-commerce,
  • verificare se il tuo supporto tecnico è soddisfacente,
  • misurare l’efficacia della pubblicità attuata fino a quel momento.

Il sistema che offriamo verifica le testate online, i social network, i blog e i siti per riferirti ciò che si dice di te che sia in positivo o negativo.

Mostra il risultato del tuo rapporto con gli influencer e il ROI generato dalle tue campagne di pubbliche relazioni. Attraverso il monitoraggio puoi:

  • Identificare il livello di attività degli influencer
  • Chi sono i giornalisti o blogger più vicini al tuo marchio .
  • Ottenere una classifica degli influencer che hanno scritto sul tuo brand e seguire le loro pubblicazioni.
  • Misurare l’impatto generato da PR ( i media o blog ) per migliorare le future campagne.
  • Analizzare l’impatto che ha tua strategia di marketing sulla generazione di lead e aumento delle vendite.
Usabilità

Perché se non ti domandi come funziona, allora funziona!

Tutti vogliono un prodotto bello da vedere, un sito accattivante, un e-commerce che stupisca, una intranet che coinvolga l’utente, un’app che catturi.

Tutti credono di sapere cosa vogliono, ma quello che usano tutti, è qualcosa di completamente diverso.

L’usabilità è ciò che determina il successo e la longevità del software.

Oggi quando si pensa all’uso di un prodotto digitale non si pensa più solamente a un semplice computer in un ufficio o al solo sito, ma a un computer in ufficio che naviga sul sito, uno smartphone in tasca che ne usa la versione mobile, un tablet in valigia che ne utilizza l’app e magari anche una Smart TV a casa. Oggi non si va più in rete, si è semplicemente sempre connessi: ecco perché l’usabilità diventa uno studio sull’esperienza dell’utente a 360°.

Chi ha bisogno di usabilità?

  • Siti e intranet: tutti usiamo quotidianamente Google come motore di ricerca, sicuramente efficace perché ci fa trovare quel che cerchiamo.
  • App: oggi i browser più utilizzati sono Chrome, Firefox e Safari. Su tutti i dispositivi sono interfacciati come simboli (app) per navigare su internet. L’utente ci clicca non perché sia “catturato”, ma perché è efficiente nel suo, ovvero: vedere le pagine, in fretta.
  • E-commerce: compriamo o abbiamo comprato su Amazon, non perché ci piace, ma perché sa invogliarci all’acquisto.

I nostri clienti tipo:

  • Aziende che intendono strutturare un sito con più di 5 pagine, offrono materiale da scaricare, manuali d’uso ecc.
  • Produttori che realizzano software e vogliono che abbia successo e siano diffusi, per analizzarne l’efficacia e scoprire come li usano gli utenti.
  • Pubbliche amministrazioni che offrono servizi on-line a cittadini o imprese e devono verificare (anche col protocollo eGLU della Funzione Pubblica) o riprogettare interazione e interfacce.

Un sito usabile ieri, andava incontro ai suoi utenti, a seconda dei loro obiettivi e del contesto in cui veniva usato. Era semplice, funzionava, sempre.

Oggi un sito usabile, è semplice e funziona, sempre.

Accessibilità

Per pensare oggi a chi deve accedere (anche domani).

L’accessibilità è una caratteristica del software, che non ha quasi alcun impatto sul suo aspetto, ma garantisce che tutti possano usarlo. Ad oggi è un requisito imprescindibile, infatti se il sito non si carica in meno di 3 secondi è molto probabile che l’utente esca dalla tua pagina e non ti cerchi più.

Non solo: l’accessibilità web in Italia è una legge che tutela le persone in situazione di handicap e garantisce loro accesso ai siti pubblici per usufruire dei loro servizi o cercare informazioni.

Un’azienda che sente di avere una responsabilità sociale, come le pubbliche amministrazioni, non può escludere alcun utente.

Un’azienda che si rivolge a clienti o fornitori che hanno più di 20 anni e meno di 10 decimi di vista, deve avere un sito, una intranet, o un’app accessibile.

Chi ha bisogno di accessibilità?

  • Google, perché è come un cieco, che vede del tuo sito solo il testo, e se Google non ti vede, non ti trova nessuno.
  • Chi usa uno smartphone in metropolitana o autobus, in una strada con un po’ di buche, perché fa fatica a toccare i tasti gusti
  • Chi usa un Ipad in spiaggia in una giornata assolata, perché il contrasto tra colori del testo e dello sfondo, non rendono agevole la lettura.
  • Un imprenditore, con un monitor da 26 pollici, e Windows 7, solo perché lo schermo è troppo grande e quindi i caratteri troppo piccoli per essere letti agevolmente.

Insomma, per ogni minima esigenza, per ogni persona, l’accessibilità è fondamentale per la riuscita di un sito efficace nella comunicazione e usabilità.

I nostri clienti tipo:

  • Banche o grandi aziende che hanno tra i propri clienti anche persone con disabilità.
  • Aziende che puntano sulla responsabilità sociale.
  • Enti privati che ricevono finanziamenti pubblici, perché la legge impone loro di essere a norma.
  • Software house e Agenzie di comunicazione che lavorano con le pubbliche amministrazione.
  • Pubbliche amministrazioni che hanno tra gli obblighi oltre a fornire informazioni e servizi accessibili e la loro verifica, anche di formare il proprio personale su queste tematiche.

Un sito accessibile ieri, si adattava alle preferenze di un utente, al suo monitor ad esempio: oggi quel sito si chiama responsive o adaptive e si naviga col cellulare.

Chi ha pensato a un sito accessibile ieri, quando oggi si è svegliato, ne aveva uno già all’avanguardia.

Architettura dell’informazione

Perché sia semplice trovare quello che cerchi.

Lo scopo fondamentale dell’architettura delle informazioni è mettere in relazione utenti e contenuti, con una finalità di business.
L’architettura dell’informazione è una delle componenti dell’usabilità e riguarda la reperibilità dei contenuti. E’ il modo di organizzarli, archiviarli, ma anche di farli trovare.
Una buona architettura dell’informazione fornisce una struttura ai contenuti che dura nel tempo, li rende più comprensibili e quindi più utili. Resiste al cambiamento e alla nascita di nuove esigenze.

A chi serve una buona architettura dell’informazione?

E-commerce: l’architettura dell’informazione serve per trovare un prodotto, l’insieme delle caratteristiche che ne permettono il reperimento (colore, taglia, ecc.) e il suo legame con i prodotti correlati o consigliati. In più filtrare le categorie a cui appartiene.
Siti web: è quanto serve per comprendere e usare un sito nel più breve tempo possibile, capendo come si trovano le informazioni, non solo tra le pagine, ma nella pagina stessa.
Intranet: una buona architettura dell’informazione è la chiave del successo di una intranet aziendale come strumento di conoscenza.

I nostri clienti tipo:
• Grandi realtà che utilizzano la intranet come luogo di scambio della conoscenza
• Produttori che vogliono rendere più efficace il loro catalogo o sito di commercio elettronico
• Pubbliche amministrazioni che devono offrire servizi e grandi quantità di informazioni ai cittadini
Quando le esigenze cambiano, le aziende crescono e gli e-commerce non funzionano a dovere, occorre riprogettare. E per un progetto serve un architetto, un geometra ormai non basta più.

PROGETTI